verniciatura

La verniciatura

La verniciatura per la stampa

La verniciatura è l’applicazione di un rivestimento incolore sullo stampato per proteggerlo da usura e pieghe o per migliorare la resa su tutta la superficie o su parti specifiche (verniciatura con riserva).

Per la lavorazione si deve mandare un file allo stampatore, che descrive esattamente le aree di applicazione.

Nel file le zone da verniciare o laminare devono essere nere, poiché i materiali da applicare equivalgono a un colore piatto (senza retinatura). Mentre le atre zone devono restare bianche.

Esistono vari tipi di verniciature vediamo quali:

Lucida: il colore assume un aspetto più ricco e vivido e le foto appaiono più incise e sature, si usa spesso in brochure o in pubblicazioni con immagini.

Matt (opaca): la verniciatura opaca ammorbidisce l’aspetto dell’immagine e rende il testo più facile da leggere, perché diffonde la luce riducendo il riflesso.

Neutra: strato di fondo quasi invisibile che sigilla l’inchiostro senza influenzare l’aspetto del lavoro. Spesso si usa per accelerare l’essicazione dei lavori in rotativa.

Perlescente: crea un effetto lussuoso riflettendo in modo raffinato i colori.

Satinata: l’aspetto è metà tra vernice lucida e matta.

Riserva UV con texture: con questa vernice si possono inserire texture con effetto carta vetrata, cuoio, pelle di coccodrillo e in rilievo.

Per approfondimenti vai a: “Lavorazioni speciali” e “La plastificazione”

Leave Your Comment

Your email address will not be published.*